[Lettera autografa di Rodolfo Lanciani]